VivaMalta - The Free Speech Forum - Revolutionary Conservatism

Welcome, Guest. Please login or register.
March 26, 2017, 05:24:20 AM

Home Help Search Login Register
+  VivaMalta - The Free Speech Forum
|-+  Miscellaneous
| |-+  New Right
| | |-+  Revolutionary Conservatism
0 Members and 1 Guest are viewing this topic. « previous next »
Pages: 1 2 [3] Go Down Print
Author Topic: Revolutionary Conservatism  (Read 3535 times)
IMPERIUM
Norman Lowell
Global Moderator
Senior Member
*****
Offline Offline

Posts: 14258


« Reply #20 on: January 24, 2015, 08:04:13 AM »

http://traditionalbritain.org/blog/tradition-and-evolution/?utm_source=Traditional+Britain+Group&utm_campaign=6caf2d4eda-RSS_EMAIL_CAMPAIGN_2013&utm_medium=email&utm_term=0_eca9afb2b3-6caf2d4eda-338033653&mc_cid=6caf2d4eda&mc_eid=32ae50cba6


Tradition and Evolution



    William Deller evaluates the role of Tradition in contemporary Britain and the cultural forces opposing a traditional society

The principles of Tradition and Evolution may seem to be opposed: Evolution is about change whereas Tradition seems to be about changelessness. However Evolution is not about change for the sake of change, purposeless change or change at any price. Evolution is an over-arching principle in life; it is purposeful change, the means by which nature improves itself.

Darwin explained how evolution worked for animals through the process of small changes, which enabled animals to respond better to their environment whether through avoiding predators, attracting mates or finding a better supply of food. The more successful animals had offspring who possessed the characteristics of their parents. This is the process of continual improvement sometimes described as “survival of the fittest”, the evolutionary process which is essentially pragmatic, irresistible and implacable. It is a process of trial and error in which success means survival and failure means extinction. It is such a process which has led to homo sapiens, and civilisation as we know it.

The evolutionary process described by Darwin applied to animals who were subject to their environment and responded to that environment. Humans, at the peak of the evolutionary chain, and with immense ingenuity, have developed the god-like ability to create their own environment and develop human society. This has its dangers, bringing the possibility of creating an environment that distorts the evolutionary process, so that the human response to the artificially created environment becomes a negative one which leads humanity in a downward direction.

A current example is the effect of the benefit system, which has been implemented with the wholly good intention to help those in need. Some people may find that the terms of the benefit system make it more attractive to be unemployed than to contribute to society. This is an undesirable evolutionary development. Another example is the behaviour of bank employees who are motivated by the prospect of huge financial gains, and exploit their position to effectively gamble with other peoples’ assets, creating financial mayhem in the process. These are both examples of the corruption of the evolutionary scenario.

However the process of evolution – trial and error - operates constantly so giving an opportunity to reverse changes that are demonstrably retrograde. This explains the continuing development of human society from barbarism to the relatively advanced state of civilisation that operates in much of the world today.

So where does tradition come into the equation? Because humans have the god-like ability to create their own environment (and thus the direction of their evolution), they need some guiding principle to ensure that they do not allow their environment to disintegrate into anarchy. This guiding principle is tradition, which appears in different guises, one being religion. Tradition is not the enemy of evolution, but tries to ensure that humanity is not drawn into false promises of ‘progress’. Tradition distinguishes between ‘right’ and ‘wrong’ and complements evolution.

Religion provides a rule book that enables us to navigate our way through life. Of course religion is also subject to evolutionary forces as demonstrated in the Reformation, but there are some aspects of life on which tradition, religion and evolution agree, and powerfully object to those decisions made by our leaders which are likely to have a negative effect on the way society develops.

The turbulent history of Britain demonstrates the interplay of tradition and evolution in the progress from a feudal agricultural economy to the sophisticated society we know now, through milestones such as the signing of Magna Carta, the execution of King Charles I, and the abolition of the slave trade along the way. Our society develops, rather clumsily, through a process of trial and error: some things work, some things don’t, and the things that don’t work are, in the due course of time, changed. Change of the things that don’t work is dependant on a recognition that something is wrong. At the present time there are two major areas where our leaders have taken decisions which, I believe, are leading Britain in the wrong direction: membership of the European Union, and same-sex marriage.

Before Britain joined the EU it was a sovereign nation, whose democratically-elected Government ran the country. Britain had achieved this condition through many centuries of evolution, involving external warfare, internal rebellion and social upheaval, to realise a stable society which was envied by many throughout the world. A world-wide empire had evolved into the Commonwealth. The British example was followed by all those emerging nations who sought freedom, “self-determination” and democracy.

When Britain first joined what was then called the European Economic Community in 1972 it seemed to represent a natural collaboration on economic matters between a small number of independent nations. It soon became apparent that the instigators of the EEC had other ideas. The EEC has been transmuted into the European Union, an ‘empire’ of 28 nations, governed by the ‘acquis communautaire’ which is a cumulative body of law of over 80,000 pages which cannot be changed. It has been estimated that some 80% of UK laws now originate in Brussels. The stranglehold which the EU has on British political life is intensified by the rulings of associated European Courts on such matters as equality and human rights. The British Government no longer governs Britain; it merely operates within the rules provided by the European Conglomerate. Is it any wonder that Britain has major problems, developed over decades, such as:

Unbalanced development across Britain of employment, housing, transport and much else.

Lack of an effective energy policy.

Lack of an effective policy to encourage industry.

Lack of an effective population policy.

Inability to control immigration.

Legal confusion such as the inability to deport criminal immigrants.

Failure of the education system to produce the workforce the country needs.

These problems are no surprise when the British Government no longer has the power or the incentive to deal with them. British membership of the EU has long been a contentious issue; however it is now evident that problems associated with that membership are increasing and will continue to increase. It is apparent that British membership of the EU is opposed to the traditions of Britain and to the evolutionary destiny of Britain; sooner or later Britain will have to exit.

A further example of the way that society - ignoring the teachings of tradition, evolution and religion - can be led down a blind alley, is same-sex marriage. It is curious that the tale of same-sex marriage is linked to the EU. There were no proposals for same-sex marriage in the Conservative election manifesto; it is opposed by much of the public; it was opposed by many Conservative MPs; it was strongly opposed by religious organisations. The legislation was introduced by the Government because gay-rights activists threatened to take the issue to European Courts, and raised the possibility of forcing the Government’s hand using European rulings on equality.

The legislation by the Government on same-sex marriage is opposed to tradition, religion and evolution. It is opposed to the evidence of evolution because heterosexuality is the means by which humanity has reproduced itself and civilisation has developed; to suggest that heterosexuality and homosexuality are equal is absurd. It is opposed to tradition because throughout history it is the union of one man and one woman, and their procreation of children, that has been enshrined in traditions around the world. It is opposed to religion because the tradition of union between one man and one woman has been formalised and made sacred by religions.

In the eyes of many people, probably the large majority, the concept of marriage between one man and one woman was a rock-like tradition of our society, our civilisation; it provides a framework for raising and educating future citizens; it is the cornerstone of community and of society. The introduction of same-sex marriage destroys this solid foundation, replaces it with a nightmare world of undefined relationships and trivialises the vital function of parenthood. It seems that the people who originated this legislation have never watched the wild life TV programmes of David Attenborough in which the primary driving force (after survival) is the mating of male and female and the procreation of offspring.

It is curious that the apparent driving force for same-sex marriage has been the principle of total equality, whereas evolution is all about inequality! Evolution accepts that a species advances by recognising that some members of the species are better able to contribute to the common good than others. This is profoundly demonstrated in the modern world by the recognition given to football players, which is given not by decision of the powerful, but by the ordinary people who watch football! Thus the idea of total equality is anathema to the principle of evolution. We know quite well that there is an enormous variety in human qualities which is part of the richness of human life and explains the success of the human species. Yet our leaders seem to be unable to distinguish between the absolutely different characteristics of heterosexuals and homosexuals, and the different contributions they are able to make to society.

Another significant aspect of the drive for same-sex marriage has been the delight that some people find in trampling on tradition, which emphasises the need for the fordces of tradition and evolution to work together to challenge those who, knowingly or not, are leading society to nihilism. The issues of same-sex marriage and British membership of the EU are not simply topics for the debating chamber; they are matters which profoundly affect the evolutionary direction of the British nation. Sooner or later we must either choose, or be forced by circumstances, to abandon these current policies.

William Deller Author of NEW DEAL – How to Transform Britain December 2014

---------------

Revolutionary Conservatism.
We are the 5 Rs:
Radical Racialist Right, Revolutionary Reactionaries.


See Post 1

Report to moderator   Logged
Boycott The Times and The Sunday Times.
Do not post there, do not buy a copy of either, do not advertise.
Hurt Them in the only way they understand.

BOYCOTT THE TIMES
 Imperium 1107

IMPERIUM
Norman Lowell
Global Moderator
Senior Member
*****
Offline Offline

Posts: 14258


« Reply #21 on: December 17, 2015, 07:44:34 PM »

http://www.ereticamente.net/2015/12/guenon-e-la-crisi-della-modernita-giovanni-sessa.html


La crisi del mondo moderno
by
Rene' Guenon



 René Guénon è un punto fermo del tradizionalismo integrale, vale a dire di quella corrente di pensiero che si è posta in modo radicalmente critico nei confronti della modernità, lungo tutto il secolo XX. In essa ebbero parte attiva autori quali Julius Evola, Ananda Coomaraswamy, Frithjof Schuon, Titus Burckhardt, solo per fare qualche nome tra i tanti. Nel 1927 uscì in Francia un libro di Guénon ancora oggi ritenuto la sintesi valoriale di tale indirizzo speculativo. Ci riferiamo a La crisi del mondo moderno. Tutti i libri, lo sanno bene i bibliofili, hanno un loro particolare destino. La Crisi, che uscì in Italia in prima edizione nel 1937 grazie all’interesse e alla traduzione di Evola, ha come proprio tratto peculiare l’aver accompagnato anche nelle edizioni successive, i momenti più drammatici, in termini spirituali, esistenziali e politici, della storia recente dell’uomo europeo.

    Partiamo dalla prima edizione del 1937: Evola si adoperò per farla uscire presso Hoepli, editore all’epoca di primo piano nel panorama pubblicistico nazionale, in quanto era fermamente convinto che le indicazioni del tradizionalista francese fossero essenziali per rettificare in chiave tradizionale il fascismo. La seconda edizione, sempre per interessamento del pensatore romano, vide la luce nel 1953, nel momento più grave della crisi post-bellica, durante il quale le forze nazionali nel nostro paese erano minoritarie e non riuscivano a leggere criticamente l’esperienza del regime. Le tesi di Guénon, validamente supportate dalla prefazione di Evola, riuscirono a dare indicazioni fondanti ad una generazione che era uscita sconfitta dal conflitto. Infine, nel 1972, la nuova pubblicazione del testo di Guénon, indicò con chiarezza a chi aveva orecchie per sentire che l’alternativa alla modernità produttivista non poteva essere rintracciata nelle pagine dei Francofortesi, in Marcuse, come ritenevano i sessantottini, ma andava individuata nella Tradizione e nel suo mondo ideale.

   Non è casuale, quindi, che proprio in questi giorni, nel bel mezzo della crisi economica e della rappresentanza politica liberale, abbia fatto la sua comparsa nelle librerie la quarta edizione di questo libro, edito nella collana Orizzonti dello spirito dalle Edizioni Mediterranee (per ordini: ordinipv@edizionimediterranee.net 06/3235433, euro 14,50), a quarant’anni dalla terza. Si tratta di un’edizione critica ed aggiornata curata da Gianfranco de Turris, che presenta le tre prefazioni di Evola alle precedenti edizioni, un ampio apparato di nuove note esplicative, bibliografie a tema aggiornate dopo ogni capitolo, e due Appendici: nella prima compaiono una lettera di Guénon ad Evola scritta dal Cairo il 10 giugno del 1937, nonché una recensione al libro firmata da Girolamo Comi. La seconda accoglie scritti critici. Nel primo Andrea Scarabelli chiarisce definitivamente, con dovizia di particolari filologici e persuasività di accenti, la “fedeltà” e la correttezza della traduzione evoliana. E’ possibile pertanto sostenere, contro malevole interpretazioni, che il filosofo non ha affatto forzato a proprio vantaggio il testo dell’esoterista di Blois. Alberto Ventura, arabista di vaglia dell’Università di Calabria, in un saggio organico e documentato, mette in luce come non vi siano differenze sostanziali a dividere le posizioni dei due maitres tradizionalisti, come vorrebbero “discepoli” letteralisti e scolastici dell’una e dell’altra parte. La Nota editoriale di de Turris consente, inoltre, di contestualizzare storicamente ed idealmente il lavoro di Guénon e permette così anche al neofita di entrare nella viva carne delle complesse problematiche  del testo.

    L’importanza di questo volume, anzi la sua crucialità, è stata perfettamente colta da uno scrittore ed editore raffinato quale Roberto Calasso, il quale riferendosi al pensiero del francese ha sostenuto che: “Mentre i critici della cultura, anche i più radicali…hanno sempre mantenuto numerosi legami con l’oggetto che attaccavano, Guénon è l’unico ad aver rescisso, dall’inizio, tutti quei legami e ad aver descritto il mondo occidentale, come contemplandolo da una remota distanza, la terra dove il frutto maturo cade ai piedi dell’albero”. (p. 209). Ciò vuol dire che Guénon, pur condividendo alcune diagnosi degli autori che tra gli anni Venti e Trenta del secolo scorso dettero luogo alla “letteratura della crisi”, guardando da distanze siderali la modernità, propose terapie altre rispetto a quelli individuate da questi ultimi, che si muovevano quasi unanimemente entro i confini intellettuali  della ratio moderna.

   Per il tradizionalista la crisi viene da lontano, addirittura dall’autunno del Medioevo, dilatandosi in cerchi concentrici sempre più vasti nelle epoche immediatamente successive: nel Rinascimento, nell’età dei Lumi che avrà nella Rivoluzione francese il suo esito inevitabile, nel liberalismo, nel democratismo e nel socialismo.  Guénon in queste pagine è consapevole che la tigre della modernità avrebbe ulteriormente accelerato la sua corsa, radicalizzando i propri processi regressivi sul piano personale e comunitario. Previde, in termini profetici, la realtà nella quale noi oggi viviamo, la liquidità in cui è imploso il progetto della securitas illuminista, centrata sulla razionalità astratta. Per tale ragione propose ai suoi lettori, fin dal 1927, la necessità della ricostruzione in Occidente di una élite intellettuale, davvero partecipe dei valori metafisici e pertanto in grado di condurre l’uomo europeo oltre la deriva della modernità. La sua fu una personalità prevalentemente contemplativa:  fu attratto non casualmente dal sufismo e morì musulmano. Ciò lo indusse, sia pure con un certo scetticismo, a ritenere la Chiesa cattolica possibile strumento di rettifica tradizionale. Oggi, non sosterrebbe probabilmente più tale giudizio visti gli esiti modernisti della Chiesa di Roma.

   Evola, la cui indole attiva lo indusse a farsi interprete di primo piano della tradizione europea, in primis di quella greco-romana, corrisponderà alle sollecitazione guénoniane, trasformando ed inverando la Crisi del francese in Rivolta contro il mondo moderno.  Egli dette, pertanto, una risposta attiva e politica, naturalmente in senso nobile ed alto, all’involversi della modernità. Per questo l’élite intellettuale nella sua prospettiva è sostituita dal proposito di costituire un Ordine, nel quale la contemplazione potesse conciliarsi con l’azione cosciente di sé. Nonostante tali differenze, anche per noi che ci sentiamo più vicini ad Evola, le pagine di Guénon, lette per la prima volta quarant’anni fa, mantengono ancor oggi il nitore del simbolo e del Vero.

---------------

The 4th Edition of this timeless masterpiece by Guenon.
To be read with great care and attention by those of us, who know that this is a Spiritual Struggle.
Above the mere mundane, mere Economics and Finance, above all that is transient.

Guenon and Evola, two intellectual giants who saw the creeping degeneracy and death of The White Man.
Guenon sees the incipient symptoms beginning just after the Renaissance.
Evola sees the missed opportunity to install a planetary Imperium in 872BC, when the Blond Beasts roaming all over Eurasia, splintered into quarreling City States.

Both gave us the Inner Strength for "Ridng the Tiger" -
this Modernity of Money, of decaying Democracy, of Squallid Socialism that led to that Cataclysmic Crises, the Satanic French Revolution.
And We have endured this Kalyuga that is now behind us - and like Nietzsche waiting for Sunrise: We now greet our Golden Dawn.



00312
The Golden Dawn
Imperium
Report to moderator   Logged
Boycott The Times and The Sunday Times.
Do not post there, do not buy a copy of either, do not advertise.
Hurt Them in the only way they understand.

BOYCOTT THE TIMES
 Imperium 1107

IMPERIUM
Norman Lowell
Global Moderator
Senior Member
*****
Offline Offline

Posts: 14258


« Reply #22 on: March 27, 2016, 05:33:34 PM »

http://www.ereticamente.net/2016/03/osservazioni-necessarie-sulla-essenza-unitaria-della-tradizione-giandomenico-casalino.html


Osservazioni necessarie sulla essenza unitaria della Tradizione –
by
Giandomenico Casalino

Ai fini di un retto discernimento tra ciò che è in Ordine e ciò che non lo è, ritengo che sia doveroso, a proposito di quanto a volte si legge o si dice intorno alla visione tradizionale, affermare ed evidenziare alcuni concetti che, quali solventi, rendano le Acque quanto più chiare sia possibile.

Hegel insegna (ma nessuno lo sa!…) che il Vero è l’Intero e tale Logos, unitamente a ciò che afferma Evola in ordine al principio che ogni Simbolo è Realtà ed ogni Realtà è Simbolo, custodiscono e tutelano la Verità fondamentale di ogni approccio che voglia anche lontanamente avvicinarsi a quello che si suole definire: organico e tradizionale!

Qualsiasi discorso, pertanto, che non rispetti la Salvezza dell’Athanòr (che è l’Intero…) e di tutti i suoi Elementi fino alla feccia e alle ceneri dove occhieggia e luccica Quello che è presente ma che non vediamo… e che invece prepari, introduca, legittimi o, addirittura, si articoli sulla frattura, la separazione, lo schizzinoso e cicisbeo allontanamento dell’Alto dal Basso,Ca 2 è radicalmente e scandalosamente antitradizionale, è modernità pura, è antropocentrismo, e quindi è umanesimo intriso di intellettualismo astratto, è Dualità (nel significato platonico del termine…) cioè dualismo e quindi è il Due che, come è noto (dovrebbe esserlo…), non è amato dal Dio!

Il Dio è Uno ed Egli ama (esotericamente…È) il Dispari…!

Da tutto ciò discende che, per esempio (ed è un errore ricorrente), la separazione, il porre su piani ontologicamente differenti e non gradati, il Fascismo, come fenomeno epocale europeo e la sua spiritualità e la Tradizione indoeuropea nonché l’Idea vivente di Roma Aeterna, non può non incontrare, la più ferma censura, promossa non dal mio punto di vista, ma secondo il Principio metafisico che è il Logos dell’Intero che è il Vero: la Tradizione è una Montagna, se la si vive e vi si riconosce in Essa, la si vive e la si ama Tutta, dalla Base al Vertice e la Tavola di Smeraldo è testimone della veridicità di quanto sto affermando!

Non vi può essere lì nei Cieli “qualcosa” che osiamo definire “tradizione” ed a cui diciamo di credere o fingiamo di guardare e, nel contempo, qui nel Mondo “qualcosa” che non è “degno” non solo della nostra “augusta” attenzione ma è, intrinsecamente, alieno, altro da ciò a cui aspiriamo o crediamo di aspirare: questo è esattamente l’Acosmismo galileo o guenoniano che dir si voglia e, cioè, in una parola: asiatico; talché con lo stesso Spirito indoeuropeo, con la natura più intima della stessa Romanità, esso Acosmismo, che è in sostanza paura-odio e rifiuto del Mondo, non solo non ha nulla in comune ma ne è il primo nemico mortale, poiché, ab aeterno, tenta pervicacemente di spezzare l’Unità del Fascio onde disperdere i Molti che Esso unisce e tiene in salvo con le verghe come il fasciame tiene unita la fiancata della nave o come il Cosmo Intero è tenuto unito da Anànke (la Necessità), secondo l’insegnamento del Divino Platone.

Il Sottile, l’Invisibile, la Potenza evocativa delle Forze profonde degli Animi (ed Evola insegna che Tutto nell’Opera inizia e termina nel Mercurio che è la profondità e la vastità della Potenza dell’Anima…) le Fedi, il Sangue e lo Spirito, la vettorialità dell’Apparire e dell’Essere in pieno XX secolo di “qualcosa” di misterico, di arcaico e di ancestrale che divampa, aggredisce more barbarico, nega e contesta, o da Cartesio in poi o da Cristo in poi, tutto ciò che si è detto e pensato in Occidente e ne vuole, pretende ed esige la Distruzione catartica con il Fuoco: non si allontana né da se stessi né dal Vero (che è sempre l’Intero!) con qualche battutina di “pochissimo spirito”; e tutto ciò al netto serio e severo di tutti i limiti enormi e delle grossolane leggerezze umane troppo umane di tutti i “nostri uomini” (così li definisce testualmente Evola in Orientamenti…!) che hanno combattuto la guerra (santa) del Sangue contro l’Oro, che è, sotto il profilo della Metafisica delle vicende umane (che la modernità chiama “storia”), una delle Battaglie Cosmiche ed encosmiche della Luce contro le Tenebre, non per distruggerle ma per illuminare la loro Oscurità così come l’Uno è presente sin negli Abissi della cosiddetta (dagli ignoranti…) “materia”, come la Luce del Sole, seppur fioca, giunge sin nelle profondità del mare!

SeCa 3 tutto ciò è stato compreso e valutato, sin dall’Inizio, dall’Avversario (il quale ci conosce molto più e molto meglio di noi stessi…!) che ha, pertanto, scatenato, con profondo Odio, malcelata Paura e pervicacia planetaria, tutte le sue potenzialità Arimaniche onde cancellare non solo la Riapparizione ma il Ricordo medesimo della Luce dell’Europa e dei Canti come inni alla Vita della sua Gioventù; allora tutto ciò ha a che fare con “qualcosa” che È da sempre, al di là e al di sopra dei suoi vettori contingenti (uomini, Regimi, visioni del Mondo, esperienze politico-sociali ed economiche, radicalmente rivoluzionarie poiché propositive di una nuova e altra modernità da coniugare con il Sacro ancestrale…), e questo “qualcosa” è il Sacro Indoeuropeo e Romano che, come è riapparso in quei vettori, riappare exàiphnes (in un Istante, secondo l’insegnamento platonico…) nel dialogo di un film o nelle ricerche e negli studi, certamente accademici e profani, di docenti come il Bettini e il Carandini (o di tanti altri che nei miei libri ho ampiamente citato) dove il primo afferma, sulla spiritualità magico-intensiva ed attiva della religiosità Romana ed il secondo sulla “storia che è la metafora del Mito!” ciò che, in eroica solitudine ed incompresi, pensavano e scrivevano gli Evola, i Reghini, i De Giorgio ed altri nel secolo scorso; e se un exemplum di Pensiero vivente e di Azione traente verso l’Alto come un Pio Filippani Ronconi, non ha niente a che fare con Luce di Roma, e se l’Idea di Roma non la si vede nella sua Vita come Militia, nel suo volto e nel suo sguardo, a “causa” della sua appartenenza al credo ortodosso o per la sua adesione all’insegnamento di Steiner, devo con tristezza pensare che grande è la confusione sotto il Cielo!

----------------------

00403
The Golden Dawn
Imperium
Report to moderator   Logged
Boycott The Times and The Sunday Times.
Do not post there, do not buy a copy of either, do not advertise.
Hurt Them in the only way they understand.

BOYCOTT THE TIMES
 Imperium 1107

IMPERIUM
Norman Lowell
Global Moderator
Senior Member
*****
Offline Offline

Posts: 14258


« Reply #23 on: September 22, 2016, 08:32:34 PM »

http://www.ariannaeditrice.it/articolo.php?id_articolo=57164


Sul concetto di tradizionalismo

di Alberto Cossu



In ogni epoca capita sovente di dover denunciare degli errori, ma mai quanto nell’attuale fase liminale del presente ciclo dove la conoscenza pare ormai quasi completamente nascosta ai più. Va da sé che in un periodo di totale confusione come la nostra, siamo costretti a ritornare su questioni in realtà banali. Vogliamo qua trattare degli errori e confusioni relativi al concetto di “tradizionalismo”. Sovente sia nei presunti tradizionalisti, che negli avversari di quest’ordine di idee (che non sono ovviamente solo “idee” nel senso occidentale), troviamo un concetto di tradizionalismo che di tradizionale nel senso superiore, cioè l’unico legittimo, non ha nulla, ed anzi è ben altro di quel che si professa. In realtà tanti tradizionalisti non hanno la minima idea di cosa sia davvero la Tradizione e quali principi si è chiamati a difendere. Si confonde, infatti, il tradizionalismo con il conservatorismo o qualsiasi impostazione reazionaria. Ovvero si idealizza il passato credendo che sia bene provare a riproporlo o almeno a conservare quanto ne resta. Si confondono così con la Tradizione usi e costumi folkloristici e popolari, usanze convenzionali, abitudini del passato assolutamente contingenti, forme religiose affatto esteriori e relative; insomma pare che ai loro occhi una cosa solo in quanto fa parte del passato sia degna di lode, senza capire che una civiltà del passato è degna di lode solo nella misura in cui si approssima ai Principi universali. Sono, infatti, i Principi ad essere tradizionali, non una data civiltà che lo è solo nella misura della sua approssimazione ad essi.

 
Capire cosa è il tradizionalismo è comprendere dei principi metafisici valevoli in ogni tempo e luogocui per imitazione nel senso platonico l’individuo e il corpo sociale tendono a disporsi in modo organico verso la dimensione della trascendenza. Ovviamente essendo un’approssimazione all’interno della manifestazione nessuna civiltà ad esclusione di quella Iperborea sarà completamente tradizionale, ma è comunque possibile un’analisi e un raffronto per comprendere quali civiltà si siano spinte più vicine ai principi e ai valori tradizionali rispetto ad altre. L’utilità del passato è appunto questa, fornire un supporto per la comprensione ed esempi concreti non utopici di come la Tradizione, quando era viva, informava la vita dell’uomo. Inutile dire che nell’attuale fase non sussiste più praticamente nulla di tutto ciò ma disperarsi per questo sarebbe da sciocchi, poiché la dottrina tradizionale stessa prevede una tale fase all’interno del nostro Manvantara. In definitiva occorre rendersi conto che non c’è ormai un bel nulla da “conservare” (o si pensa che i residui della società borghese dell’ ‘800 siano tradizionali?) ed allo stesso tempo qualsiasi tentativo di reazione è destinato a fallire e aumentare la confusione, non essendoci affatto nessun terreno propizio. Da queste considerazioni deriva che un “tradizionalista” non è una persona demodé, non in grado di raffrontarsi con la sfida del mondo attuale, né una persona retrò nostalgica di qualsivoglia periodo o civiltà del passato e manco un “bacchettone” inzuppato del moralismo fariseo di ieri. Essere tradizionalisti significa pensare e agire secondo Principi Universali calati nella propria epoca e secondo la propria equazione personale. Non si può quindi trattare di seguire i principi delle epoche passate, cioè delle maggioranze di ieri, il che sarebbe altrettanto sbagliato del seguire il principio democratico del parere della maggioranza, che come sappiamo è il parere dell’ignoranza, solamente invece che alla maggioranza dei vivi ci si riferirebbe alla maggioranza dei morti. Ebbene un tradizionalismo che si fermasse a così poco meriterebbe la qualifica di “democrazia dei morti”.

 
-----------------------


00409
The Golden Dawn
Imperium
Report to moderator   Logged
Boycott The Times and The Sunday Times.
Do not post there, do not buy a copy of either, do not advertise.
Hurt Them in the only way they understand.

BOYCOTT THE TIMES
 Imperium 1107

IMPERIUM
Norman Lowell
Global Moderator
Senior Member
*****
Offline Offline

Posts: 14258


« Reply #24 on: February 12, 2017, 04:28:18 PM »

http://www.ariannaeditrice.it/articolo.php?id_articolo=58242


La tradizione dei pellirosse


di Dagoberto Bellucci - 03/02/2017

Frithjof Schuon ci presenta i tratti più originari della tradizione dei cosiddetti "indiani d'America", gli amerindi o, per essere più esatti, i rappresentanti di quella che a ben diritto può essere definita la manifestazione tradizionale originaria della Razza Rossa giunta fino ai giorni nostri malgrado, e nonostante, l'indicibile tentativo di etnicidio commesso nei loro confronti dai bianchi europei tra il XVI.mo ed il XIX.mo secolo.

Nato a Basilea da una famiglia tedesca, l'autore oltre ad essere uno dei più insigni rappresentanti di quella che può essere definita la cerchia di studiosi di dottrine tradizionali fu tra i principali collaboratori ed interlocutori di Renè Guènon e con lui in stretto contatto, negli anni Trenta e fino alla sua morte (avvenuta nel 1950 al Cairo).

Autore di volumi dedicati all'Islam, al quale si convertì, Schuon scrisse su "Etudes Traditionnelles" la rivista diretta da Guènon e viene considerato da Ananda Coomaraswamy come uno dei rarissimi europei contemporanei in grado di comprendere le verità d'ordine metafisico delle autentiche dottrine dell'Oriente tradizionale.

Schuon sarà in contatto con diverse tribù indiane dell'America settentrionale (dai Lakota ai Sioux ai Crow) delle quali ci riporta in questo volume l'autentica spiritualità e le tradizioni.

Un'attenzione tanto più particolare alla religiosità indiana in quanto, come rilevato da Antonio Medrano , questi studi possono presentare "un interesse speciale per tutti coloro che, ai giorni nostri, cercano di riscoprire il più alto patrimonio spirituale dell'umanità" (1) e particolarmente per gli Europei scevri da pregiudizi potranno rivestire un valore di riferimento e comparativo con quanto storicamente conosciuto dell'antica religiosità indoeuropea.

Infatti - come sottolineato nella nota preliminare alla prima edizione del volume curato dalle Edizioni di "Ar" - esistono profonde analogie di significato e complementarità evidenti (cultuali, rituali, simboliche e linguistiche) tra la tradizione amerindia e quella affiorata in Europa in epoca pre-cristiana.

In occasione del sesto Congresso Internazionale di Studi Ugrofinnici svoltosi a Syktyvar nella Repubblica Komi (ex Urss) dal 24 al 30 luglio 1985 il resoconto presentato da Otto J. von Sadowaszky metteva in evidenza una affinità linguistico-grammaticale tra gli idiomi parlati dai Penuti californiani e le lingue degli Ugri dell'Ob (il vogulo e l'ostjaco)....


----------------


The common root of Spirituality:  always Polytheistic, never Monotheistic.
That came with Judeo Christianity - anti Nature.
We have to go back to our pre-Christian, pure Pagan roots.



00502
The Golden Dawn
Imperium

Report to moderator   Logged
Boycott The Times and The Sunday Times.
Do not post there, do not buy a copy of either, do not advertise.
Hurt Them in the only way they understand.

BOYCOTT THE TIMES
 Imperium 1107

Pages: 1 2 [3] Go Up Print 
« previous next »
 
SMF 2.0.12 | SMF © 2016, Simple Machines
TinyPortal © 2005-2012

VivaMalta - The Free Speech Forum, Revolutionary Conservatism - Theme by Mustang Forums