VivaMalta - The Free Speech Forum - Julius Evola - Revolutionary

Welcome, Guest. Please login or register.
May 28, 2017, 10:29:03 PM

Home Help Search Login Register
+  VivaMalta - The Free Speech Forum
|-+  Imperivm Evropa
| |-+  Spirituality
| | |-+  Julius Evola - Revolutionary
0 Members and 1 Guest are viewing this topic. « previous next »
Pages: 1 ... 4 5 [6] Go Down Print
Author Topic: Julius Evola - Revolutionary  (Read 9258 times)
IMPERIUM
Norman Lowell
Global Moderator
Senior Member
*****
Online Online

Posts: 14496


« Reply #50 on: February 10, 2017, 06:47:15 PM »

Read previous post - priceless.


Steve Bannon ‘connects network of white nationalists’ at the White House
Donald Trump’s chief strategist has long studied nationalist movements and even considered hiring someone to monitor them around the world


Steve Bannon has been recommending books about nationalism to colleagues and considered hiring someone to monitor nationalist movements around the world as his boss signs executive orders to ban refugees and cut regulations.

Donald Trump’s chief strategist has been described as a voracious reader, and the books tend to share a similar argument: that Western civilization is being destroyed and only a shock to the system can reverse its decline.

He also strongly believes in a theory, espoused in one of his favourite books, The Fourth Turning by William Strauss and Neil Howe, that history unfolds in cycles of 80 to 100 years.

At the end of the cycle, the old order is destroyed and replaced.

In Mr Bannon’s view, the next cycle was sparked by the financial crisis and gave rise to the election of Mr Trump. His 2015 documentary, Generation Zero, drew heavily on this theory.

Lacy MacAuley, an activist and member of the Washington DC Antifascist Coalition, told The Independent: "I absolutely think Steve Bannon is connected to a network of white nationalists. Just in the last few years there have been contractual obligations between white supremacist James O’Keefe at Project Veritas and Breitbart."

Mr O'Keefe was known, she said, for taking down institutions and organisations via fake news.

"I would say that Steve Bannon is the advocate for white nationalism in the White House and there’s no doubt in my mind on that. It’s not just through Breitbart, it’s through his entire line of work."

Trevor Noah: Steve Bannon is the ‘real President'

Mr Bannon recruited from this pool to fill out the National Security Council. He reportedly added himself to the NSC without Mr Trump knowing as he drafted the executive order himself.

Daryle Lamont Jenkins, executive director of the anti-racist organisation One People's Project, told The Independent, said that paleoconservatives attempt to use theories and academia to justify their racism. Mr Bannon went to Harvard, and Jared Taylor, a prominent white supremacist, went to Yale.

"We've been dealing with a cluster of white supremacists within the beltway of the Washington DC area who do just that: they try to back up their racism and justify why they should have a separation of the races, and justify a more strident attack on African Americans in the name of 'fighting crime'," he said.

In Mr Bannon's network is Curtis Yarvin, known as "Mencius Moldbug", who gathered a global following after writing in his blog in 2008 that "nonsense is a more effective organising tool than the truth."

He also asked “What’s so bad about the Nazis?” and wrote about how he "stopped believing in democracy".

"Moldbug" was escorted out of a computer software conference where he was scheduled to speak due to his blog posts and Breitbart covered the incident as "censorship". Now "Moldbug" has a line to the White House, through an intermediary, and was deeply sceptical that the Russians were behind the "influence campaign" during the election, as reported by Politico.


Steve Bannon being talked about will be his kiss of death

Michael Anton, a former managing director for investment firm BlackRock, also sits on the NSC. He was a former speech writer for Rudy Giuliani and George W Bush's NSC. He wrote a post called "The Flight 93 Election", under the pseudonym Publius Decius Mus in September 2016, that said "America and the West are on a trajectory toward something very bad."

He argued that electing Mr Trump was simply worth trying, rather than elect another member of the “bipartisan junta” and the end of civilization.


"2016 is the Flight 93 election: charge the cockpit or you die," he said.

"You may die anyway. You—or the leader of your party—may make it into the cockpit and not know how to fly or land the plane. There are no guarantees."


When far right French politician Marine Le Pen came to visit Mr Trump in the White House, he had invited her. The ultra-conservative website that he founded, Breitbart, covered her career extensively.

  He boasted last July that Breitbart had become the "platform for the alt-right". Now his platform has become the government.



------------------


Unthinkable just 2 years ago.
The Spiritual war against the Jews is in full swing.
They have to be extirpated.



00502
The Golden Dawn
Imperium
Report to moderator   Logged
Boycott The Times and The Sunday Times.
Do not post there, do not buy a copy of either, do not advertise.
Hurt Them in the only way they understand.

BOYCOTT THE TIMES
 Imperium 1107

IMPERIUM
Norman Lowell
Global Moderator
Senior Member
*****
Online Online

Posts: 14496


« Reply #51 on: February 12, 2017, 04:10:17 PM »

http://www.ereticamente.net/2017/02/liberate-evola-2-parte-luca-valentini.html


Liberate Evola – 2^ parte – Luca Valentini

“..il cristianesimo si presenta come una forma disperata di dionisismo.

Formatosi essenzialmente in vista di un tipo umano spezzato,

 esso fece leva sulla parte irrazionale dell’essere

e al luogo delle vie dell’elevazione <<eroica>>, sapienziale ed iniziatica,

pose come organo fondamentale la fede.“

(J. E., Rivolta contro il mondo moderno, in Sincope della Tradizione Occidentale)

...contd


-----------------


Christianity: a religion fit for the broken man.
Where, instead of an initiation into Enlightenment, based on Knowledge and Truth -
Christianity rests itself on Faith.



00502
The Golden Dawn
Imperium
Report to moderator   Logged
Boycott The Times and The Sunday Times.
Do not post there, do not buy a copy of either, do not advertise.
Hurt Them in the only way they understand.

BOYCOTT THE TIMES
 Imperium 1107

IMPERIUM
Norman Lowell
Global Moderator
Senior Member
*****
Online Online

Posts: 14496


« Reply #52 on: February 27, 2017, 08:19:08 PM »

http://www.ereticamente.net/2017/02/gian-franco-lami-arte-e-filosofia-in-julius-evola-a-cura-della-fondazione-julius-evola.html


Gian Franco Lami:
Arte e Filosofia in Julius Evola
a cura della Fondazione Julius Evola


Pubblicato trentacinque anni fa questo libro è stato il primo testo esaustivo dedicato al filosofo tradizionalista e ha inaugurato una stagione di studi ed approfondimenti che, solo negli ultimi anni, giunta a conclusione con il riconoscimento del valore della complessa e multiforme visione del mondo evoliana da parte di illustri studiosi. Quest’opera, quindi, una pietra miliare dell’esegesi del pensiero di Evola, imprescindibile per chi si interessi all’iter speculativo del pensatore romano. Muovendo dall’analisi della produzione artistica e delle opere filosofiche, Gian Franco Lami giunge a lambire il momento centrale del tradizionalismo di Rivolta contro il mondo moderno. L’intento, da un lato, far comprendere come Julius Evola sia rimasto “filosofo” anche nelle fasi successive della sua produzione intellettuale, anzi filosofo dell’esistenza, e dall’altro evidenziare come la sua proposta sia maturata in sintonia con i nomi più significativi della cultura europea del Novecento. Non un originale ed isolato intellettuale chiuso nella turris eburnea, ma protagonista di primo piano del proprio tempo in Italia e in Europa. Il libro arricchito dalla Prefazione di Giovanni Sessa, mirata a ricostruire la genesi del volume ed a confrontarne i contenuti con le ricerche successive, e dall’Introduzione di Giuliano Borghi tesa a valorizzare, al di là della lettera, il metodo evoliano.

Gian Franco Lami (Roma, 1946-2011), allievo di Augusto Del Noce, ha insegnato Scienza Politica all’Università di Teramo e, successivamente, Filosofia Politica all’Università di Roma “La Sapienza”. stato professore visitatore alla Pontificia Università Urbaniana, fondatore della Scuola Romana di Filosofia politica. Dal 1994 ha collaborato con la Fondazione Julius Evola alla pubblicazione dell’opera omnia saggistica evoliana. Ha, inoltre, curato l’edizione italiana di numerosi autori stranieri e ha contribuito all’esegesi del pensiero di Charles Secrétan, Eric Voegelin, Aldo Capitini. Instancabile organizzatore culturale, ha ideato premi giornalistici e numerosi convegni di studio. Tra le sue ultime opere: Socrate Platone Aristotele (Rubbettino, 2005); Tra utopia ed utopismo (Il Cerchio, 2008). Opere postume: Qui e ora. Per una filosofia dell’eterno presente, con G. Casale (Il Cerchio, 2011); e a sua cura: J. Evola, Regime Corporativo (1935-1940) (Pagine, 2011), J. Evola, Rassegna Italiana (1933-1952) (Pagine, 2012).


---------------------


Evola lives!


00502
The Golden Dawn
Imperium
Report to moderator   Logged
Boycott The Times and The Sunday Times.
Do not post there, do not buy a copy of either, do not advertise.
Hurt Them in the only way they understand.

BOYCOTT THE TIMES
 Imperium 1107

IMPERIUM
Norman Lowell
Global Moderator
Senior Member
*****
Online Online

Posts: 14496


« Reply #53 on: March 26, 2017, 02:10:01 PM »

http://www.ereticamente.net/2017/03/evola-e-larte-poesia-vitaldo-conte.html


Evola e l’Arte-Poesia – Vitaldo Conte

 CAVALCARE L’ARTE COME PENSIERO

La cultura, la letteratura e l’arte, dal Novecento a oggi, hanno avuto e continuano a presentare occultamenti, ostracismi, dimenticanze: prevalentemente per preconcetti ideologici ma anche per motivazioni varie. Una delle più persistenti ombre di queste Storie di Danger Art riguarda Julius Evola e la sua “leggenda”, favorita anche dalla sua biografia e dal suo esistere “controcorrente”.

(…) Evola, artista e filosofo, fra i più segreti del ‘900, ha continuato a essere una voce destabilizzante nel secondo dopoguerra, rimanendo (per anni) un personaggio isolato, scomodo, controverso, difficilmente etichettabile. Lui stesso, nonostante i molteplici rapporti personali, si mostrava disinteressato alla propria pubblicizzazione, come anche nei confronti dell’ostracismo di cui era oggetto da parte della cosiddetta grande stampa e delle “cricche” che la controllavano.

(…) La presunta pericolosità di questo innominabile “cavaliere nero” è amplificata dalle sue erranze culturali, che diventano momenti e letture perturbanti per le canoniche catalogazioni sociali, ponendosi sempre fuori-schema. Molteplici sono le sue maschere di presenza: pittura e poesia; filosofia e politica; dottrine orientali e simbolismo occidentale; esoterismo e tecniche iniziatiche; ecc. La conoscenza (senza censure) di Evola è un viaggio intrigante ma “sconveniente” per le formule acquisite: le sue alchimie comprendono la spiritualità trascendente come il magnetismo della metafisica del sesso.

Questo pensatore (con all’attivo numerose pubblicazioni) e artista è anche “passaggio” di riflessione sul mondo tradizionale e su quello moderno. La sua complessa e prismatica figura viene, talvolta, “frammentata” con il risultato di smarrirne così un possibile filo conduttore. Un pensiero, un’arte possono richiedere esistenze e momenti differenti, nello loro svolgersi, per trovare la consapevole totalità del proprio procedimento. Evola rifiuta di distinguere e separare i momenti più significativi del suo percorso culturale. Ne rivendica il senso complessivo e la continuità fra l’espressione artistica e il percorso filosofico: “Nell’essenziale, sussiste una continuità attraverso tutte le varie fasi della mia attività”. In maniera similare “non delimita” i confini della stessa espressione artistica: “Schopenhauer e Nietzsche, nell’esaltare la superiorità della musica, hanno dimostrato di esser incapaci a comprendere le altre arti: perciò l’arte stessa, forse…  Chi possiede un solo mezzo espressivo, non è artista…”.

 (…) Evola, pur elaborando, in maniera personale, la propria espressione verso una proposizione di non-figurazione spiritualistica, partecipa dialetticamente alle acquisizioni sviluppatesi nel Futurismo. Il suo “idealismo sensoriale” sintetico si esprime nella seconda metà degli anni  Dieci, a Roma (è incluso infatti nel futurismo romano), dove opera e in cui è inserito con i suoi rapporti artistici. Interessi di natura esoterica, anche se con sviluppi differenti, sono diffusi in questi ambienti culturali e artistici d’inizio secolo: idee gnostiche e mistiche pagane convivono con riferimenti orientali, occultistici e teosofici, divenendo l’antidoto al materialismo contemporaneo. Ciò è presente anche nel gruppo futurista, soprattutto in Balla e Ginna, con i quali intrattiene rapporti d’amicizia.

Evola si muove nella cultura del primo Novecento, sensibile agli interessi spirituali, che entrano nel percorso della sua astrazione pittorica. L’esperienza simbolista, antefatto e origine di diverse esperienze dell’avanguardia europea, risulta un terreno ricettivo a queste tematiche (i libri di teosofia della Besant e Blavatsky, poi le opere di antroposofia di Steiner). È importante, al riguardo, attribuire un’opportuna rilevanza, per la sua formazione artistico-culturale e per il suo passaggio futurista, alla frequentazione dello studio-atelier di Balla.

Una sintomatica, essenziale testimonianza di Arnaldo Ginna, nei primi anni Settanta, è la prova del coinvolgimento di Evola e di un certo Futurismo verso le “relazioni” esoteriche: “Evola dipingeva un astrattismo di stato d’animo molto vicino a quello che facevo io, con quel pizzico di sentimento profondo animico occulto. Ciò veniva dal fatto che Evola, come me, si interessava di occultismo traendone, s’intende secondo la propria inclinazione, un succo personale. Non so precisamente definire gli studi e le esperienze di Evola, so soltanto che ciascuno di noi aveva tra le mani i libri di teosofia della Besant e della Blavatsky, e poi le opere di antroposofia di Rudolf Steiner”. Nel lavoro artistico di Evola emerge, dunque, la condizione di chi incontra le forze occulte trascendentali e le allucinazioni visionarie.

(…) Ricorro al titolo del libro di Julius Evola Cavalcare la tigre (1961) per usarlo qui come metafora concettuale di lettura e azione: negli ambiti dell’arte, del pensiero e dell’esistenza (individuale e collettiva). Può indicare ancora il “come porsi” verso questi territori: con lo staccarsi aristocraticamente dalle apparenze “senza spessore” del mondo attuale (pur non entrando necessariamente nella passività o rinuncia) o, viceversa, con l’affrontarle in qualche modo, ricorrendo anche a interiori dispersioni d’arte. Questo “cavalcare” continua a riguardare l’essere che non sente appartenenza, né vincoli profondi, con il contesto circostante: può essere ancora “un manuale di autodifesa personale”. Cavalcare la tigre rappresenta la vita stessa e il suo svolgimento, anche in chiave artistica. Continua a essere un’eredità per chi, riconoscendosi internamente in certi percorsi dell’esistenza, ritiene di vivere in un’epoca di dissoluzione.

Evola, con questo libro, chiude un ciclo, tornando sulle posizioni della gioventù che lo avevano spinto verso la negazione radicale del mondo e dei valori esistenti: fino al punto-zero del Dadaismo, dopo aver transitato nel Futurismo. L’autore, nel percorso di questo cinquantennio, arriva agli anni Sessanta con le loro tensioni (politiche, artistiche) e le ipoteche ideologiche. Indica, però, l’esaurimento dei linguaggi delle avanguardie storiche con l’assoluta improbabilità di una loro rinnovabile presenza: “In realtà, i movimenti a cui mi interessai ebbero un valore non tanto in quanto arte, ma appunto come segno e manifestazione di uno stato d’animo del genere, quindi per la loro dimensione meta-artistica e perfino antiartistica”.

Ne Il cammino del cinabro termina lo scritto, dedicato al suo passaggio dadaista, con: “Non scrissi poesie né dipinsi più dopo la fine del 1921”. Nello stesso capitolo risultano significative le affermazioni di Tristan Tzara che egli stralcia: “Che ognuno gridi: vi è un gran lavoro distruttivo, negativo, da compiere.  Spazzar via, ripulire. La purezza dell’individuo si afferma dopo uno stato di follia, di follia aggressiva e completa, di un mondo lasciato fra le mani di banditi che si lacerano e distruggono i secoli. Senza scopo né disegno, senza organizzazione, la follia indomabile, la decomposizione”.

Julius Evola non rinnega la parentesi artistica, successivamente alla sua conclusione, anche se considera impersonalmente il loro autore “scomparso”. Ci ritorna, sporadicamente a distanza di tempo, con articoli e considerazioni, ma anche, negli ultimi decenni dell’esistenza, attraverso “copie” di ciò che aveva già dipinto. Il “ricopiare” un proprio quadro, realizzato in passato, può risultare un sintomatico e ulteriore atto di “estraniamento” d’identità.

Evola esprimerà, negli anni 1960-1970, alcuni “nudi di donna”, che possono essere letti come una sorta di “manifesti” visivi delle peculiarità della donna nell’esperienza alchemica della Metafisica del Sesso, titolo del suo significativo libro uscito nel 1958. Questa produzione risulta un po’ a latere nel panorama complessivo del suo lavoro artistico. Contiene, però, elementi sintomatici d’interesse, al di là del loro valore estetico: intanto questi dipinti non sono “copie” di precedenti lavori e percorsi (come le altre opere espresse nello stesso periodo), quindi presentano una loro attualità di presenza. Inoltre questa volta “la figura” femminile emerge, dal precedente astrattismo, con evidenti allusioni cromatiche e simbologie erotico-sessuali. Eros come parola e alchimia sono presenti nel fluido-energia dello sguardo delle “donne evoliane” dipinte. Gli occhi de La genitrice dell’universo sono circondati da due globi cerulei (l’azzurro delle acque è trasceso in quello del cielo), all’interno di un grande sconfinato triangolo bianco, amplificatosi, via via, da quello partito dal triangolo ricavato dalle linee del pube femminile. Gli occhi della Figura femminile emergono, delineati di nero, dal volto per fissare l’altrui oltre. Lo sguardo del Nudo di donna (afroditico) è costituito dalla malia abissale di un occhio stilizzato: che guarda obliquamente l’altro.

Questi nudi dipinti possono esprimere archetipi e simbologie erotiche, costituenti il mondo segreto del femminile nella magia sexualis. Sintomatico anche il loro diverso colore dei capelli: la Figura femminile ha la chioma bionda; la Genitrice dell’Universo i capelli rossi; il Nudo di donna (afroditico) i capelli neri.

 (da AA.VV., Julius Evola e la sua eredità culturale, Mediterranee Ed., Roma 2017)

--------------

This great philosopher of Revolutionary Conservatism.




Some of Evola's paintings.

https://www.google.com.mt/search?q=julius+evola+paintings&espv=2&source=lnms&tbm=isch&sa=X&ved=0ahUKEwiUx_vki_TSAhXD0RQKHWEbAKwQ_AUIBigB&biw=1310&bih=613#imgdii=mC-Ol6xHOR6C4M:&imgrc=_dFow2EX-38OeM:


---

An Aristocrat, a soldier in the first World War, a top Fascist who helped, then parted from Gentile, the Fascist Education Minister.
Lectured at the Herrenclub (the only non German member of this exclusive SS club in Berlin.
Highly regarded by Benito Mussolini - whom Evola never shirked from criticizing harshly.

Greeted Mussolin after his liberation from the Gran Sasso, at Rastenburg (Hitler's HQ), where Evola was staying.
Wounded in an air raid in Vienna that left him paralyzed for the rest of his life.
Hauled to court for Fascist opinions, but easily turned circles around the bumbling prosecutors.

His Art immediately evokes the influence of the Futuristi - linear, minimalist, strong.
His erotic art consisting mainly of "Evolian Women" - slim, strong, posh, an elegance that penetrates with triangular large eyes.
An Art that is Tantric, Mystical and compliments his Philosophical journey through life:

"He who expresses himself in only one field, be it Art, Music, Philosophy, Martial Arts, or any other - is NOT an Artist." - Julius Evola



00503
The Golden Dawn
Imperium
« Last Edit: March 27, 2017, 05:19:08 PM by IMPERIUM » Report to moderator   Logged
Boycott The Times and The Sunday Times.
Do not post there, do not buy a copy of either, do not advertise.
Hurt Them in the only way they understand.

BOYCOTT THE TIMES
 Imperium 1107

IMPERIUM
Norman Lowell
Global Moderator
Senior Member
*****
Online Online

Posts: 14496


« Reply #54 on: April 24, 2017, 11:31:11 PM »

http://www.ereticamente.net/2017/04/evola-eredita-culturale.html


J. Evola e la sua eredità culturale
a cura di Gianfranco de Turris


“Come tutti sanno, nel corso di quasi sessant’anni di attività Julius Evola si e occupato di vari ambiti, argomenti, tematiche che é inutile elencare. Affrontato un tema, lo portava alle estreme conseguenze per poi passare a uno successivo inquadrandolo nella sua Weltanschauung, senza per questo ammantarsi dell’etichetta di specialista o esperto di questo o quest’altro. Sicché evidenziare quale sia stata la sua “eredità” significa affrontare questi diversi ambiti, argomenti e tematiche nel loro complesso per capire il segno da lui lasciato, le indicazioni originali date, le vie aperte anche con grande anticipo sui tempi: arte, filosofia, teoria dell’eros, storia delle religioni, esoterismo ed ermetismo, simbologia, orientalismo, politica e metapolitica e così via. In una cultura italiana e internazionale che ormai vivacchia di luoghi comuni, e in cui vige un unico pensiero dominante, e che si autoalimenta cercando di sopravvivere a se stessa autoincensandosi e autogiustificandosi per illudersi di non essere moribonda, parecchi sentono (ma spesso non lo esprimono) la necessità di cercare orizzonti diversi, dato che l’evolversi stesso della situazione sta mettendo in crisi lo status quo. I vari territori in cui si e addentrato Julius Evola, e i nuovi percorsi da lui tracciati, potrebbero essere utili a molti, purché scevri di sovrastrutture pregiudiziali” (dalla Presentazione di Giancarlo Seri).


--------------------


Evola lives!


00505
The Golden Dawn
Imperium

Report to moderator   Logged
Boycott The Times and The Sunday Times.
Do not post there, do not buy a copy of either, do not advertise.
Hurt Them in the only way they understand.

BOYCOTT THE TIMES
 Imperium 1107

IMPERIUM
Norman Lowell
Global Moderator
Senior Member
*****
Online Online

Posts: 14496


« Reply #55 on: April 24, 2017, 11:46:17 PM »

http://www.ereticamente.net/2017/04/luniversale-significato-spirituale-della-romanita-21-aprile-2770-a-u-c-giandomenico-casalino.html


L’universale significato spirituale della Romanità

1)”Il Vero è l’Intero. L’Intero però, è solo l’essenza che si compie mediante il proprio sviluppo. Dell’Assoluto, infatti, bisogna dire che è essenzialmente un Risultato, che solo alla fine è ciò che è in Verità”. Hegel, Prefazione alla Fenomenologia dello Spirito.

2) Tale passo è la presentazione universale del concetto della Vita di ogni organismo dello Spirito, sia nel microcosmo come nel macrocosmo: l’uomo, l’universo, la Romanità… Pensare in guisa intensa i concetti profondissimi ivi presenti, conduce alla comprensione dell’Intero significato della Tradizione di Roma, proprio perché Realtà vivente.

3) Tale conoscenza non è sapere se non è innanzitutto uno stato dell’essere; lo stato dell’essere è vedere l’Invisibile, che è l’Indicibile, ma per colui che è Essere non è che l’Uno, l’Istante che è fuori dal tempo: colui che vive nella dimensione dello Spirito è nel tempo pur essendo, nella radice, fuori dal tempo, vedrà il Divenire che è Essere, come indica l’enigmatico sorriso dell’Apollo di Veio, Egli, sorridendo della nostra stupidità, accenna, svela e rivela la Verità: l’Assoluto, il Divino è semplicemente ciò che tu vedi e che sei! Tu però non lo sai!


Il nuovo libro di Casalino su Roma, tra Ermetismo e Platonismo per “Arcana” di Edit@

4) Roma, nella sua essenza metafisica, nella sua potenza spirituale, nella sua eterna presenza come Simbolo dell’Ordine Cosmico, come Umbelicus Mundi, come Asse che non vacilla dell’Europa, è ciò che tu vedi se lo sei! È ciò che è se tu lo fai, lo vivi e lo crei, in ogni momento, in ogni Istante della tua vita, che sarà così il Rito filosofico interiore, come creazione costante del Kathekòn in quanto Limes nei confronti delle Tenebre e quindi  iniziazione all’Eterno.

5) È, quindi, necessario, oggettivamente necessario, come legge dello Spirito, acquisire il “mutamento di punto di vista”, di “stato mentale” in cui consiste, in buona sostanza, quello che Evola definisce lo stato dell’Essere interiore e, quindi, la sua manifestazione esterna che è la “Visione del mondo” che, se è necessario possedere in termini virtuali o potenziali, atteso che la stessa non si acquisisce sui libri né con altri strumenti se non la si possiede in potenza sin dalla nascita come “forma interna o carattere”, è vero anche che tutto ciò, secondo proprio il principio fondamentale della nostra Tradizione, che è il comando apollineo di Delfi: “conosci te stesso!”, deve essere però consapevolmente conosciuto e cioè esperimentato divenendo concretamente esso stesso!


Si conosce solo ciò che si è e si è solo ciò che si conosce. Gli Dei non esistono a priori (per fede) ma esistono solo se si conoscono e si conoscono solo se si esperimentano, quindi esistono solo per colui il quale li esperimenta, cioè li vive e quindi li conosce; nel senso che, pur esistendo da sempre, per colui il quale non li conosce Essi non esistono. Tale è il significato della frase: “I Greci non credevano negli Dei; poiché li  vedevano!”

6) Se si vuole vivere l’esperienza spirituale dell’agire e della conseguenziale visione, tipica dell’Ascesi dell’Azione che qualifica la Romanità, della realizzazione, mediante il Rito giuridico-religioso, “del fenomenico per effetto della azione magica sul Numenico”, è necessario Sapere-Vedere  (non guardare…) che il Sé, la Mente, il Pensiero, che è l’Invisibile, è il Numenico e che solo agendo nell’Invisibile, cioè nel Pensiero e sul Pensiero, nella Mente e sulla Mente, nell’Animo e sull’Animo, cioè agendo sulla Causa, che è lo Spirito, creando la Forma in essa Causa, la stessa  Forma si riverbera, si riflette nello specchio che è il fenomenico e cioè il Mondo e così esso appare ed è conforme, identico al Numenico cioè al Pensiero che lo ha causato e ciò dimostra, tale processo dimostra che la paideia ed il mos majorum, sono la causa generatrice del Mondo, della Res Publica, dell’Ordine Giuridico-Religioso e quindi Politico: che è l’Idea realizzata nella storia di Juppiter Optimus Maximus. Tutto ciò è vero solo se è stato della Mente, che è stato dell’Essere, ed è vero solo se si è conseguenzialmente l’Uomo Nuovo,  Uomo che pensa, vede e quindi è l’Uomo aperto al Mondo, l’Uomo che non dice e non pensa mai in termini di “Io” ma sempre in termini del Noi, perché sente e sa di essere Noi; poiché la Romanità è Noi!

7) Essere Noi (ed è il secondo “momento dello Spirito”) significa entrare nel Mondo, superare e vincere la falsità dualistica dell’Io e del Mondo, del soggetto e dell’oggetto, della Trascendenza e della Immanenza  ed essere quindi realtà spirituale, esistenziale e concreta  e quindi Intero che è, secondo la nostra Tradizione classica Greco-Romana, l’Athanòr nella Filosofia Ermetica, l’Uno il Tutto nella Tradizione Platonica, la Res Publica Universale nella Romanità, l’Intero medesimo e cioè l’Assoluto nel significato che ha rivelato la Sapienza di Hegel. Tale è secondo la cultura tradizionale il vivere che coincide con l’essere che è il pensare, significando ciò Roma come l’Idea Vivente  e si ritorna al principio secondo cui il Pensiero è il Tutto essendo la Causa di Tutto, atteso il fatto che, se non vi è il mutamento di “stato”, il “Risveglio”, anche il Mondo continua ad essere caos ed oblio, oscurità e nebbia: solo nel “momento” in cui si “conosce se stessi”, il Mondo è salvo, il Mondo è Cosmos, Ordine, Unità; anzi il Sapere e l’Essere lo stato corrispondente, consente di acquisire la Conoscenza che quell’Ordine e quella Unità del Mondo ci sono da sempre, ab aeterno, solo che non lo si sapeva poiché non lo si era.


--------------------


ROMA!
Roma profonda, forte, Spiritualmente Eterna.
Ispiratrice del IMERIUM EUROPA.



00505
The Golden Dawn
Imperium
Report to moderator   Logged
Boycott The Times and The Sunday Times.
Do not post there, do not buy a copy of either, do not advertise.
Hurt Them in the only way they understand.

BOYCOTT THE TIMES
 Imperium 1107

Pages: 1 ... 4 5 [6] Go Up Print 
« previous next »
 
SMF 2.0.12 | SMF © 2016, Simple Machines
TinyPortal © 2005-2012

VivaMalta - The Free Speech Forum, Julius Evola - Revolutionary - Theme by Mustang Forums